Comunicato su Rudiae

I recenti interventi sui giornali e nel programma l’Indiano di TeleRama hanno giustamente richiamato l’attenzione sul degrado e l’abbandono dell’importante sito archeologico di Rudiae e sulla necessità di un’iniziativa che porti alla definitiva salvaguardia e valorizzazione di questa fondamentale risorsa della città di Lecce.
Al fine di avere il quadro reale dell’attuale situazione di Rudiae è necessario però chiarire quanto segue:
L’acquisto del Fondo Acchiatura, da parte del Comune di Lecce nel 1985, su iniziativa dell’Assessore Fabio Valente, costituisce un risultato molto importante, a cui purtroppo non hanno fatto seguito altre iniziative di acquisizione di aree limitr

I recenti interventi sui giornali e nel programma l’Indiano di TeleRama hanno giustamente richiamato l’attenzione sul degrado e l’abbandono dell’importante sito archeologico di Rudiae e sulla necessità di un’iniziativa che porti alla definitiva salvaguardia e valorizzazione di questa fondamentale risorsa della città di Lecce.

Al fine di avere il quadro reale dell’attuale situazione di Rudiae è necessario però chiarire quanto segue:
L’acquisto del Fondo Acchiatura, da parte del Comune di Lecce nel 1985, su iniziativa dell’Assessore Fabio Valente, costituisce un risultato molto importante, a cui purtroppo non hanno fatto seguito altre iniziative di acquisizione di aree limitrofe.

Attualmente il Comune di Lecce sta realizzando programmi promossi dalla precedente amministrazione su iniziativa del Sindaco on.le Adriana Poli Bortone. Si tratta di importanti progetti già finanziati e in corso di realizzazione.

PROGETTO I (finanziamento MiBAC attraverso la Direzione Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici della Puglia, somma di € 500.000 destinati a Molo di San Cataldo, Archeologia Urbana a Lecce – Palazzo Vernazza – e Rudiae).
Di questi fondi € 150.000 sono destinati a Rudiae, per scavi e restauri delle mura settentrionali (già utilizzati) e per la sistemazione di Fondo Acchiatura (da utilizzare).

PROGETTO II (Progetto PRUSST – finanziamenti europei € 653.000).
Il progetto è in corso di realizzazione da parte del Comune.
Si è già concretizzata nel 2011 l’acquisizione al patrimonio comunale dell’area dell’Anfiteatro, sino ad allora di proprietà privata.
Sono iniziati, sempre nel 2011, e proseguiranno nel 2012 gli scavi che stanno portando alla luce le strutture di un Anfiteatro romano di età repubblicana (II-I sec. a.C.).
Stanno per iniziare i lavori per la realizzazione, nel Fondo Acchiatura, del Polo Didattico e Laboratorio di Archeologia per i ragazzi delle Scuole Medie. In questa struttura i ragazzi, non solo della Provincia di Lecce, potranno svolgere attività didattiche nel settore archeologico, come avviene nel Museo

 

__________________________________________________

Post del 12 gennaio 2012

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *